Normativa

martedì 1 ottobre 2019

Componenti di reddito per gli assegni nucleo familiare

Il riconoscimento e la determinazione dell'importo dell'assegno per il nucleo familiare (ANF) avvengono tenendo conto della tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo stesso. L'Inps, con il messaggio 18.07.2019, n. 2767, ha voluto precisare quali importi sono da considerare per la presentazione delle domande e quali, invece, non devono essere inseriti al fine del calcolo dell'importo spettante. 

Si è così definito che vanno conteggiati nel reddito complessivo del nucleo familiare: 

- redditi che sono assoggettabili all'Irpef (redditi da lavoro dipendente, autonomo o professionale, redditi di impresa, pensioni e vitalizi, redditi da terreni e fabbricati) considerati al netto dei contributi; 

- redditi prodotti all'estero che, se venissero prodotti in Italia sarebbero soggetti alla tassazione Irpef;

- redditi da lavoro percepiti da Enti Internazionali con sede in territorio italiano, ma che non sono soggetti a tassazione italiana;

- assegni periodici versati dal coniuge nel caso di separazione o divorzio, purché non riguardino il mantenimento dei figli. 

Sono elementi che non concorrono, invece, al calcolo del reddito del nucleo familiare complessivo, i seguenti:

- assegno per il nucleo familiare o qualsiasi altro trattamento dovuto per legge; 

- Tfr e le relative anticipazioni;

- arretrati delle integrazioni salariali che fanno riferimento ad anni precedenti rispetto a quello di versamento;

- pensioni di guerra e rendite Inail;

- indennità di accompagnamento per gli invalidi civili, i ciechi civili assoluti, i minori invalidi che non deambulano, i sordi prelinguali e i ciechi parziali;

- indennità di trasferta per la parte esente Irpef;

- pensioni tabellari spettanti ai militari di leva vittime di infortunio;

- indennità di accompagnamento ai pensionati di inabilità Inps;

- assegni di superinvalidità sulle pensioni privilegiate dello Stato;

- indennità di frequenza per i minori invalidi civili. 

All'interno del messaggio n. 2767 si parla anche, in vista delle novità recentemente introdotte, delle misure di sostegno alla famiglia che devono essere considerate al fine del calcolo del reddito familiare per il riconoscimento del diritto all'ANF: non si devono comprendere, per la formazione del reddito, né l'assegno di sostegno alla natalità (c.d. Bonus Bebè), né il premio alla nascita. 
Sono, invece, computabili (in materia di benefici regionali per il Trentino-Alto Adige) anche il reddito di garanzia, il contributo famiglie numerose e l'assegno regionale per il nucleo familiare.

è importante ricordare che l'assegno spetta solamente nel caso in cui la somma dei redditi familiari che derivano da attività da lavoro dipendente sia pari ad almeno il 70% del reddito familiare complessivo.